Una sosta "da Horst"

Benessere e Stile

Un bicchiere di vino al bar. Uno snack al bistrò. Potersi guardare una partita in Sky. Pernottare nel pittoresco paesino di Rio di Pusteria. Il "Giglio bianco" non è solo un apprezzato biker- stop, un locale dove rilassarsi dopo una passeggiata in montagna o dove gustare i piatti tipici della cucina altoatesina, è soprattutto un'istituzione, ricca di tradizione e fonte di ispirazione, di mattina per gli avventori che si gustano un buon espresso, a mezzogiorno per un piacevole aperitivo e di sera per concludere la giornata in compagnia. Chi raggiunge Rio di Pusteria non può non andare al Giglio Bianco o, come direbbero i locali, "da Horst".

Dove hanno mangiato pontefici
e dove i ciclisti si riposano

A Rio di Pusteria affondano le radici familiari del papa emerito Benedetto XVI. La storia del penultimo pontefice è inoltre intrecciata alla storia della parrocchiale di Rio. Di fronte ad essa, a pochi passi di distanza, si trova l'albergo "Giglio Bianco". Qui i ciclisti di passaggio possono concedersi una pausa, familiarizzare con le tradizioni altoatesine, sperimentare il fascino naturale, originale e non artefatto del "Giglio": un pezzo autentico dell' Alto Adige.

L'A,B,C del Giglio Bianco

A) Al bar con gli amici,
da Horst

Espresso o capuccino, accompagnati eventualmente da un croissant fragrante. Oppure un ottimo bicchiere di vino rosso o bianco. Una deliziosa fetta di torta fatta in casa come dessert e, naturalmente, quattro chiacchere con Horst. Quì il turista si sente a casa.

B) L'albergo nel cuore
del paese

Il nostro albergo non è un albergo a cinque stelle da rivista patinata. Il nostro è un ricco di storia, fascino, autenticità. È caratterizzato dall'unicità della location e da un'atmosfera familiare: sono queste le nostre cinque stelle!

C) La piazzetta centrale, piccola e bella

Sono poche le guide turistiche che non elogino la bellezza della piazza storica di Rio di Pusteria. Sotto un sole splendente, o durante le fresche notti d'estate, non c'è modo migliore, per una vacanza indimenticabile, che gustare le prelibatezze locali, mangiare l'ottimo gelato artigianale o bere un caffè.

Scoprire l'Alto Adige

Qual è il periodo migliore per vivere l'Alto Adige? La risposta è semplice: "tutto l'anno!". L'Alto Adige è una terra ricca di aspetti e di volti, uno per ogni stagione, tutti estremamente belli e interessanti; una terra tutta da scoprire.

D'estate

I "mountain biker" percorrono in lungo e in largo la Val d'Isarco. Sui sentieri della Val Pusteria si incontrano turisti italiani, tedeschi, austriaci e svizzeri. L'estate è anche il tempo per gli amanti della cultura: 80 musei, 100 chiese, 40 castelli, rocche e fortezze visitabili. È il tempo per chi cerca una vacanza di movimento: sentieri da esplorare e baite da conoscere nell'area vacanze Gitschberg- Jochtal. Innumerevoli le piscine e i parchi-avventura aperti, pronti per essere "presi d'assalto".

Luoghi da visitare:
il castello di Rodengo
la città vescovile di Bressanone
l' Abbazia di Novacella
il museo di Ötzi
Museo arecheologico dell'Alto Adige
Il Castel Trauttmansdorff a Merano

Possibili mete per le vostre escursioni:
Lago selvaggio
Alta Via d'Europa, nel tratto della valle di Valles
Picco della croce
Rifugio Bressanone
Baita Anratter

D'inverno

Le piste da sci sono a portata di mano. La funivia che porta al Monte Guzzo/Gitschberg dista solo 100 mt. dall'Hotel Giglio Bianco. Da dicembre ad aprile le piste da sci, in ottime condizioni, offrono giorni di svago e divertimento. Non solo sci, ma anche sci di fondo, slittino, escursioni con le ciaspole e passeggiate nella neve renderanno le vostre vacanze indimenticabili.

Per chi volesse conoscerne e visitarne di nuovi, c'è la possibilità di raggiungere atri 15 impianti sciistici in soli 30 minuti.

I nostri consigli per la stagione invernale:
I Mercatini di Natale di Bressanone, Brunico o Vipiteno. Una giornata da trascorrere a Innsbruck in Austria.
L' Alpinpool a Maranza
La piscina Acquarena a Bressanone
Lo sci di fondo sull'alpe di Rodengo
Una slittata a Valles
Un giro su una carrozza a pattini trainata da cavalli
Una passeggiata alla Malga Fane

Come raggiungerci 

Raggiungerci è semplice. A voi la scelta: treno, auto ,bus, aereo…

In treno ci sono due alternative: scendere alla stazione di Bressanone dove giornalmente transitano diversi treni interegionali e InterCity per proseguire poi con il bus (www.mobilitaaltoadige.info/it) arrivando direttamente al Giglio Bianco, oppure con il treno scendendo alla stazione di Fortezza raggiungere la stazione di Rio di Pusteria, che dista 300 mt. dal centro.

Il "Giglio Bianco" dista 6 km dall'uscita Varna-Val Pusteria sulla A-22 del Brennero; si procede in direzione Brunico, imboccando la statale n.49 e proseguendo fino all'uscita per Rio di Pusteria.

Arrivando in aereo si può fare scalo a Innsbruck, Bolzano o Monaco per poi proseguire treno o in autobus.

Per chi vuole raggiungerci in bicicletta nessun problema: il "Giglio Bianco" è un amato e stiato biker-sto.